Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione

Login

logotype

Andrea, Angelo, Luca e Carlo

itinerari spiegati

ITINERARI SPIEGATI

Per avere una visione di ciò che ci attende durante la TransumanzaLatina, per il trasferimento in bici da Roma a Latina, leggete di seguito

TransumanzaLatina

  1. Roma-Borgo Sabotino km 76 / 750 metri di disl. Tot.
  2. Borgo Sabotino-Latina km 13 / pianeggiante

 


Venerdì 21 marzo
Partenza ore 8,00 - in piazza del Colosseo (Arco di Costantino)

dopo esserci tappati bene la bocca – per proteggerci dai gas di scarico, prodotto della follia quotidiana che attanaglia Roma ogni mattina –  imbocchiamo via S.Gregorio e poi la ciclabile che ci tiene per un po’ distanti dal traffico. In piazza Numa Pompilio niziamo a percorrere la Via Appia Antica, madre di tutte le strade, la cui prima migliara è all’inizio della ciclabile. Fino al Quo Vadis, purtroppo dobbiamo  condividere la strada con i rumorosi scarafaggi di latta.


Usciamo dal caos mattutino di Roma entrando nell’area delle Catacombe di S.Callisto, che sembra un’oasi in mezzo alla città: da questo momento in poi fino al Lago Albano, pedaleremo abbastanza tranquilli, nostra unica preoccupazione sarà, oltre a superare il dislivello altimetrico dei Colli Albani, è quello di calpestare i sampietrini meno irregolari, ma in particolare, superare alcuni tratti di basolato romano, che si possono bypassare attraverso i single track che i ciclisti si sono scavati ai lati della strada.


Dopo una vibrante corsa sul pavé lungo una delle poche strade che ci permette di uscire da Roma senza il rischio di essere ammazzati, in compagnia di tanta monumentalità che ci offre ancora la Regina Viarum, a Santa Maria delle Mole iniziamo l’ultimo tratto dell’Appia Antica su sterrato un po’ malmesso, lungo il quale incontriamo l’ultima torre di guardia della strada romana.


A Frattocchie (km 19 / 83 m) ci riaffacciamo nel traffico, ma solo quanto basta per superare la via Appia Nuova al semaforo. Iniziamo a percorrere la cosiddetta strada dei villini, che attraversa le vigne da cui provengono le uve del vino dei Castelli Romani. Senza che ce ne accorgiamo, senza sentirsi inseguiti dal traffico, arriviamo all’imbocco del tunnel da cui ci immettiamo all’interno del cratere vulcanico del Lago Albano (km 23 / 295 m).

 

1° appuntamento - LAGO ALBANO (ore 10-10,30 alla rotonda presso il tunnel della statale 150)


I ciclisti che vorranno raggiungerci con Treno+Bici, risparmiandosi 300 metri di salita, possono incontrare il gruppo vicino alla galleria: uscite dalla stazione di Castel Gandolfo, anche seguendo le rotaie fino al passaggio a livello, scendete velocemente verso il lago senza distrarvi troppo dal panorama, fino alla rotonda, poi continuate diritti ed incontrate il tunnel a sinistra, da dove vedrete sbucare il gruppo.


Sul lungolago abbiamo il tempo di rifiatare, preparandoci ad affrontare la salita più impegnativa del viaggio: il primo tratto fino alla via dei Laghi, non è terribile, perché la vista del lago ci allieta un po’ la fatica, ma  il tratto seguente lungo la statale è tremendo, per la salita che unita al traffico costituisce un cocktail indigesto: questo è comunque l’unico tratto critico di tutto l’itinerario, di circa 5 km.

Di tanto in tanto però, abbiamo modo di allontanarci dal traffico e dare un’occhiata al lago dagli ampi terrazzamenti; ne raggiungiamo uno particolarmente bello da cui possiamo osservare il lago con il suo cratere e tutta la Campagna Romana fino al mare, prima del bivio di Rocca di Papa-Ariccia (km 31 / 600 m), proprio dove è il convento di Palazzolo.
Il più è fatto, ci rimangono ancora diversi dislivelli, ma niente in confronto a quello che abbiamo percorso fino a questo punto.

Prodotti gli ultimi sforzi, prima del bivio di Nemi raggiungiamo il culmine della salita (km 33 / 646 m), poi scendiamo lasciandoci a sinistra i Pratoni del Vivaro e, dopo un ultimo avvallamento, scendiamo definitivamente dai Colli Albani verso Velletri, lungo numerose curve e tornanti (km 43 / 291 m).

 

2° appuntamento - VELLETRI  (alla Stazione, dalle 13.00 alle 14.00)

I ciclisti che vogliono risparmiarsi tutti gli oltre 700 metri di dislivello totali e raggiungerci con Treno+Bici: attendete alla stazione di Velletri il passaggio del gruppo

Proseguiamo la discesa, meno decisa di prima lungo l’ultimo lembo dei Colli Albani, pedalando nuovamente tra vigne e uliveti sulla strada ottocentesca che sostituiva l’Appia Antica prima della costruzione di quella nuova, con bella vista sui Monti Lepini. Superiamo Castel Ginnetti e giungiamo a Cisterna di Latina, primo centro sulla Pianura Pontina (km 55 / 81 m).

 

3° appuntamento - CISTERNA DI LATINA (ore 15.00)

I ciclisti più frettolosi, che vorranno pedalare solo in pianura: attendete alla stazione di Cisterna il passaggio del gruppo. Attenzione però perché i treni da Roma alle 13,36 e 14,36 sono A RISCHIO, perché è un orario di pendolarismo.

Usciamo dalla città verso sud percorrendo solo inizialmente strade trafficate. In leggero falsopiano superiamo dapprima un dedalo di stradine, per … seminare meglio il traffico alle nostre spalle e, ad un ultimo lungo rettifilo, in lontananza possiamo scorgere l’inconfondibile sagoma bianca della ex centrale nucleare di Borgo Sabotino, chiusa alla fine degli anni ’80, ma mai completamente dismessa, continuando a custodire ancora scorie radioattive pericolose; la superiamo e arriviamo a Borgo Sabotino (km 76 / 10 m).

Chi ne ha voglia, può raggiungere uno dei tratti costieri più belli del Lazio, dove è il castello di Torre Astura. Completamente circondato dalle acque del mare, il castello si raggiunge con un ponticello in muratura, mentre lungo la costa fa sfoggio di sé una fittissima pineta; tutto questo, proprio a ridosso del poligono di tiro interforze della NATO, che, strano a dirsi, è … grazie a questo che sia stato possibile tutelare questo lembo di costa ancora integro (più 6 km andata / 6 km ritorno).

Ultimo appuntamento del pomeriggio del 21, Oratorio di Piazza San Marco a Latina.

Per prendere contatto con il gruppo e aggregarsi agli appuntamenti della transumanza, di seguito i contatti di un paio di guide: 3453990199 Romano, Natalino 3286150482 



Sabato 22 marzo


Partenza ore 8.30 - Chiesa di Borgo Sabotino oppure Latina, Piazza del Popolo ore 9.30 per agganciare le bici ai cavalletti