Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione

Login

logotype

Andrea, Angelo, Luca e Carlo

 

Libera è la Bici!
Contro mafie ed ecomafie

venerdì 21 marzo: Transumanza a pedali da Roma a Latina

sabato 22 marzo: Diciannovesima edizione della “Giornata della memoria e dell’impegno in ricordo delle vittime delle mafie” di Libera!, Latina

We shall overcome by bicycle. Non ce niente di più entusiasmante che camminare tutti insieme per un destino condiviso, superare la fatica, bere la bellezza, incoraggiare chi è stanco e ripartire.

TransumanzaLatina saremo tutti noi che andremo in bici nella giornata  migliore: c’è Libera a Latina, nel suo raduno, che ogni anno, da tutta Italia, spinge migliaia di ragazzi a uscire di casa, a partecipare e a dire “io ci sono”.

 

A Latina ci potrete venire in bicicletta, con un treno a due ruote che si muove solo pedalando, il corteo delle biciclette che il venerdì 21 marzo coprirà tutto il percorso partendo da Roma, e da ovunque voi siate.

Con Romano Puglisi, Angelo Melone, Alberto Fiorillo, Natalino Russo, Cecilia Gentile, Paolo Bellino, Anna Maria Piccoli, Timisoara Pinto, Carlo Amato e tanti altri, dopo la fantastica esperienza della Transumanza a Pedali che in tre giorni ha collegato Roma con L’Aquila, stiamo costruendo la TransumanzaLatina.

Ci sarà un itinerario dettagliato che vi farà vivere la giornata del 21, il più possibile fuori dal traffico e dai suoi pericoli, circondando i laghi bellissimi dei Colli Albani, attraversando i Pratoni del Vivaro, scendendo le vigne dei Castelli, attraversando la Pianura Pontina, visitando l’Oasi di Ninfa e quindi alloggiando in riva al mare.

Poi il giorno 22 marzo l’appuntamento con tutti quelli che giungeranno con i treni e con l’auto al mattino e, volendosi portare appresso una bicicletta, vorranno entrare con noi in Latina e vivere gli ultimi dieci chilometri a pedali.

In piazza, con l’energia delle vostre pedalate potrete dare forza e metri al suono che trasporterà nell’aria i nomi delle centinaia di vittime uccise dalla mafia. Saranno proprio i pedali delle vostre biciclette a spingere lontano la voce che uscirà dai microfoni.

Pedalerete per il Palco a Pedali dei Tetes de Bois, il primo eco spettacolo al mondo, uno spettacolo partecipato, onorato di essere al servizio di una causa così importante.

Pedalando si accenderà la piazza, con l’energia delle biciclette ci sarà luce e suono a Latina.

Sono previste decine di migliaia di persone al raduno nazionale di Libera, sarà anche quest’anno un successo di partecipazione straordinario e dunque, per aiutare i pedali, l’amplificazione si avvarrà anche di una ulteriore risorsa energetica: il Palco fotovoltaico di Ecoluce. Quindi energia solare, e di cui mi commuove dirvi che i Tetes sono stati, vari anni fa, i primi sperimentatori, utilizzandolo per dei concerti a bordo del tram.

La bicicletta è Libera e ti Libera. Liberati con la bicicletta.

E poi questo mezzo antico è il più aderente alle necessità di oggi.

E poi la bicicletta è popolare, è la storia di questo paese.

È l’amore e il tempo libero, il gioco e il lavoro, la campagna, la compagna, il vento, il sole in faccia, gli incontri con gli amici che avevi perso di vista.

Si parcheggia ovunque, non consuma carburante, costa poco, non ha  targa, non paga tasse, si ripara facilmente e in economia. Ti fa vivere il viaggio con gli altri e il viaggio, qualunque viaggio, con lei è già vacanza, sta dalla parte dell’ambiente, fa fare movimento ai ragazzi. Alimenta il gioco e la sfida , ma non impone la competitività.

E’ talmente tanto fica la bici che probabilmente sta diventando un problema per tutti quelli che vedono quote di mercato sottratte ai loro business speculativi, ma la bicicletta è più forte, non c’è niente da fare. La bicicletta può accendere una nuova economia.

Ci avete fatto caso a quante pubblicità utilizzano la bicicletta per reclamizzare dei prodotti?

Quante pubblicità di aziende che costruiscono bici avete visto in TV? Probabilmente nessuna, eppure la bici transita spesso negli spot della banche e delle grandi multinazionali, perché la si associa spontaneamente a rapporto vero, semplicità, dimensione umana, libertà.

Liberi a latina. Vai nella sezione iscriviti per partecipare dove troverai tutti i dettagli!

We shall overcome by bicycle!